Arsenal – Aston Villa 2-1: i Gunners mantengono il record del cento per cento

Silenzio! La polizia della celebrazione sentirà. Ovviamente all’Arsenal non interessa. In testa alla Premier League, cinque vittorie su cinque: cosa non festeggiare?

Dopo aver trascorso gli ultimi giorni condannati per aver avuto l’audacia di mostrare emozione dopo aver battuto il Fulham sabato, i Gunners lo hanno fatto di nuovo ieri sera.

Certo, hanno lavorato più duramente per quella vittoria sull’Aston Villa di quanto avrebbero dovuto, ma per molti versi è un motivo in più per festeggiare.

L’Arsenal ha vinto cinque partite su cinque all’inizio della stagione di Premier League

L'Aston Villa ha subito quattro sconfitte nelle prime cinque partite della stagione

L’Aston Villa ha subito quattro sconfitte nelle prime cinque partite della stagione

Ovviamente, leggeremo più da vicino come l’Arsenal è attrezzato per porre fine all’esilio in Champions League questo fine settimana quando visiterà il Manchester United.

Ma per ora – è perfetto. Se non puoi celebrare la perfezione?

All’altro capo dello spettro, è stata un’altra sconfitta per Villa, la quarta in cinque presenze in Premier League.

La pressione sul manager Steven Gerrard è in aumento. Ma mentre la sua squadra è stata battuta per la maggior parte di questo incontro, Gerrard dovrebbe trarre conforto dal fatto che la sua squadra in difficoltà ha mantenuto la posizione.

Se fosse stato un incontro di boxe, l’arbitro lo avrebbe fermato molto prima del fischio del termine.

L'Arsenal sta ora iniziando a sembrare una squadra unita, con il pieno supporto dei suoi fan

L’Arsenal sta ora iniziando a sembrare una squadra unita, con il pieno supporto dei suoi fan

Gabriel Jesus ha portato l'Arsenal in vantaggio dopo che il cross deviato di Emi Martinez ha abbattuto Granit Xhaka

Gabriel Jesus ha portato l’Arsenal in vantaggio dopo che il cross deviato di Emi Martinez ha abbattuto Granit Xhaka

Ma Villa ha rifiutato di gettare la spugna, fair play per quello.

Eppure avranno bisogno di qualcosa di più per uscire dalla difficile situazione in cui si trovano.

Non diventa più facile. Indovina chi affronteranno sabato? Giocano in blu ed Erling Haaland è il loro attaccante di punta.

Ovviamente, in isolamento, perdere contro il Manchester City non è la fine del mondo. Ma una serie di cinque sconfitte su sei è difficile da giustificare.

Ma lo spirito combattivo dimostrato da Villa dovrebbe incoraggiare Gerrard ad affrontare il fine settimana.

Qui, l’Arsenal non ha perso tempo cercando di aumentare la miseria di Gerrard. Il loro esordio in un emirato balzante trasuda brio e inventiva.

Gabriel Martinelli ha segnato il gol della vittoria per l'Arsenal pochi minuti dopo il pareggio di Douglas Luiz

Gabriel Martinelli ha segnato il gol della vittoria per l’Arsenal pochi minuti dopo il pareggio di Douglas Luiz

La squadra di Steven Gerrard è ora al 19esimo posto nella classifica della Premier League, davanti al solo Leicester

La squadra di Steven Gerrard è ora al 19esimo posto nella classifica della Premier League, davanti al solo Leicester

L’inizio di stagione dei Gunners è un sogno per i loro tifosi. Non è difficile capire perché.

Al contrario, Villa era un fascio di nervi, un chiaro vuoto di fiducia e fiducia. Quando gli indigeni sono irrequieti, come lo sono a Villa Park, non è una buona combinazione.

E qui nel nord di Londra, i tifosi del Villa guardano la loro squadra aggrapparsi per tutta la vita mentre l’Arsenal odora di sangue.

Sia Gabriel Martinelli che Gabriel Magalhaes hanno testato Emi Martinez nel primo quarto d’ora.

Tyrone Mings, tornato in rosa dopo aver saltato la sconfitta contro il West Ham per malattia, è stato poi vittima di bullismo per la palla in profondità nella sua area dal boccino Martinelli solo per Martinez che è tornato in campo.

Bukayo Saka ha sprecato un’occasione ancora migliore al 23′, sparando in alto e a lato sul secondo palo dopo che Kieran Tierney ha liberato l’intera difesa di Villa e il portiere con un brillante cross.

Luiz ha segnato direttamente da calcio d'angolo per la seconda volta in due settimane per appianare le cose

Luiz ha segnato direttamente da calcio d’angolo per la seconda volta in due settimane per appianare le cose

VALUTAZIONI DEI GIOCATORI

Arsenale (4231): Ramsdale 6; Bianco 6,5 (Tomiyasu 64, 6), Saliba 7,5, Gabriel 7,5, Tierney 7; Sambi 7,5, Xhaka 7,5; Saka 7 (Holding 88), Odegaard 7 (Smith Rowe 81), Martinelli 7,5; Gesù 8 (Nketiah 88).

Sostituzioni: Turner, Soares, Vieira, Marquinhos, Smith.

Riservato: Saliba, Odegaard.

Arteta: 7.5.

Villa (433): Martinez 6; Contanti 5,5, Konsa 6, Mings 6, Degno 5; Kamara 6 (Ing 83), Ramsey 6, McGinn 6 (Luiz 73); Bailey 6, Watkins 5,5, Buendia 5,5 (Coutinho 73).

Sostituzioni: Olsen, Chambers, Augustinsson, Young, Archer, Iroegbunam.

Riservati: Ramsey, Konsa, McGinn.

Gerardo: 6.

Arbitro: Robert Jones: 6.

Arteta, con le mani sul capo, si voltò agonizzante; non poteva credere che la sua squadra non fosse in vantaggio.

Non doveva essersi preoccupato, però. Sette minuti dopo la sua squadra ha segnato il gol che la loro prestazione meritava.

Jesus si prende il merito, sparando da distanza ravvicinata dopo che Martinez è riuscito a parare solo un tiro di Granit Xhaka che ha deviato Ezri Konsa.

Ma, in verità, Jesus e Arsenal hanno un enorme debito di gratitudine nei confronti della difesa di Villa. O meglio la sua assenza.

Konsa alzò furiosamente le mani verso i suoi colleghi; non c’è da stupirsi che la difesa fosse triste.

Ma erano tutti ugualmente colpevoli.

A questo punto, l’unico aspetto positivo per Villa era che aveva solo un gol in meno poiché l’Arsenal avrebbe potuto essere fuori vista verso l’intervallo.

Martinez avrebbe dovuto fare di meglio per strappare il vincitore del secondo tempo a Martinelli

Martinez avrebbe dovuto fare di meglio per strappare il vincitore del secondo tempo a Martinelli

Jesus ha segnato il suo terzo gol stagionale regalando alla sua squadra una meritata mezz'ora di vantaggio

Jesus ha segnato il suo terzo gol stagionale regalando alla sua squadra una meritata mezz’ora di vantaggio

In effetti, avrebbe riguardato anche Arteta visto che Robert Jones è esploso in contropiede. La superiorità della sua squadra meritava più di un vantaggio in rete: Tierney, Saka e Martinelli hanno sprecato altre occasioni prima dell’intervallo.

Gerrard non è riuscito a far entrare i suoi giocatori abbastanza velocemente; questa visualizzazione disseminata di errori non ha fatto nulla per convincere un numero crescente di fan che temevano che fosse obsoleto.

Eppure, in qualche modo, i Villa erano rimasti lì, meritano una parvenza di merito per questo.

Erano poveri, sì. Ma non si sono sbriciolati e sono riusciti a districarsi in circostanze bizzarre al 73′ con Douglas Luiz, appena entrato al posto di John McGinn, che ha segnato direttamente da calcio d’angolo.

Aaron Ramsdale era fermamente convinto di essere stato ostacolato da Ollie Watkins mentre cercava di rispondere alla consegna di Luiz, ma VAR non era d’accordo.

Aaron Ramsdale è stato generalmente solido per l'Arsenal nonostante non sia riuscito a pareggiare Luiz

Aaron Ramsdale è stato generalmente solido per l’Arsenal nonostante non sia riuscito a pareggiare Luiz

Gerrard, pugni chiusi, si fermò nella sua area tecnica, pressando la sua squadra. Sapeva cosa sarebbe successo: il lavello della cucina.

Ma la sua squadra ha resistito per tutti e tre i minuti. C’era una volta il pubblico degli Emirati si sarebbe voltato dopo il pareggio di Luiz.

Non più e vengono premiati al 77′ quando Martinelli calcia a casa il vincitore con un cross di risposta di Saka perfettamente eseguito.

Gerrard può trarre vantaggio dall’incapacità di Matty Cash di esplorare il brasiliano, ma non è stato né qui né lì.

Tutto ciò che contava era che l’Arsenal avesse vinto, ancora una volta. Allo stesso modo, Villa aveva perso di nuovo.

Rivivi il blog live di Sportsmail per lo scontro di Premier League tra Arsenal e Aston Villa, inclusi gli aggiornamenti da West Ham v Tottenham e Manchester City v Nottingham Forest.

.

Add Comment