Primo giro: Whyte E-160 RSX 29er

Whyte non è particolarmente noto al di fuori del Regno Unito, dove ha la reputazione di offrire biciclette ben congegnate con un valore decente, specialmente tra i revisori. La loro ultima offerta è l’eMTB E-160 del 2023.

Mentre il nome E-160 in precedenza esisteva solo come bici da 27,5″, il modello 2023 è disponibile con ruote da 29″ o miste nelle taglie dalla M alla XL e con ruote da 27,5″ nelle taglie S e XS. Ottiene anche alcuni aggiornamenti rispetto alla versione precedente, incluso l’ultimo motore Bosch CX Smart System con un’enorme batteria da 750 Wh.

Whyte E-160 Dettagli
• Sistema Bosch CX Smart con batteria da 750 WH
• Posteriore da 150 mm, forcella da 160 mm
• Opzioni per ruote da 27,5″, 29″ o miste
• Peso: più di 26 kg / 57,3 lb (questo è il limite della mia bilancia da bicicletta)
• Angolo del sedile di 75°, angolo di sterzo di 64,8°, fodero orizzontale di 446 mm
• Taglie: M, L, XL (29 pollici o MX), XS e S (27,5 pollici)
• Prezzo: £ 7.999 (E-160 RSX 29er)
• Whytebikes.com

Dettagli del telaio

Per contenere i costi, il telaio è offerto solo in alluminio 6061. Whyte ha deciso di utilizzare un tubo obliquo completo per mantenere l’integrità strutturale rispetto a un design in cui la batteria si inserisce in un foro nel ventre del “tubo”. Dicono che ciò consente loro di mantenere lo spessore della parete del tubo al di sotto di 2 mm, risultando in un peso complessivo più leggero rispetto a un tubo obliquo con una porta, dove gli spessori delle pareti si gonfiano per compensare la mancanza di efficienza strutturale. Questa bici non è leggera, fai attenzione.

Whyte ha anche cercato di mantenere il peso il più basso possibile nel telaio per facilitare lo spostamento della bici e il cambio di direzione. Per fare ciò, hanno fatto girare il motore Bosch in senso antiorario in modo che la batteria del tubo obliquo potesse scivolare verso il basso per la ricarica fuori dalla bici, mantenendola il più vicino possibile al suolo. Sebbene la bici sia dotata della più grande batteria Bosch da 750 Wh, è possibile utilizzare batterie più piccole; e poiché la batteria si aggancia nella parte inferiore, lo spazio vuoto si trova nella parte superiore del tubo obliquo, contribuendo a mantenere il baricentro ancora più basso.

L’E-160 è dotato di un flip-chip che modifica l’altezza del movimento centrale di 8 mm e l’angolo sterzo di 0,7 gradi. C’è la solita protezione del telaio, i bossoli del portaborraccia e il passaggio interno che ti aspetteresti da una bici moderna, e il tubo sterzo consente forcelle con sterzo da 1,8″.


Sospensione

Nonostante il nome, l’E-160 offre 150 mm di escursione posteriore, abbinata a una forcella da 160 mm. Il collegamento della sospensione è progressivo per tutta la corsa, aumentando di circa il 23 percento dall’inizio alla fine. È abbastanza progressivo, ma niente di folle. I livelli di anti-squat (quanto la sospensione resiste alla pedalata) sono tipici di una e-bike, con un abbassamento di circa l’80%.

Ciò che distingue la sospensione di Whyte è l’aria d’urto. “Ho scoperto che in generale le e-bike non richiedono uno smorzamento maggiore di una bici normale”, afferma Sam Shucksmith, ingegnere di mountain bike di Whyte, “a causa della stabilità fornita dal peso extra della bici se riesci a farla franca meno smorzamento e ottieni una migliore conformità e trazione su piccoli dossi.Il supporto della molla a metà corsa è importante quando si tratta di gestire il peso extra di una bici elettrica.


Geometria

Whyte Bikes è stato uno dei primi ad adottare la geometria moderna e l’E-160 è aggiornato. La lunghezza del fodero orizzontale è ben bilanciata a 446 mm (non troppo lungo, non troppo corto). Con tutto quel peso davanti al movimento centrale, un lungo fodero orizzontale può rendere una e-bike molto difficile da maneggiare e spostare lungo il sentiero. L’angolo del sedile è di circa 75 gradi, che non è il più ripido, ma in termini di ergonomia della pedalata, non sembra avere molta importanza con le e-bike. La scheda tecnica dice che il movimento centrale è 344 mm nell’impostazione alta (336 mm nella bassa), ma mi sembra più basso.


Modelli e specifiche

Ci sono due opzioni di specifiche per la versione 29er, entrambe con lo stesso motore Bosch e una batteria da 750 Wh. Ho guidato il modello RSX più costoso con ammortizzatori Fox 38 e Float X Performance Elite, mentre il modello meno costoso ha una forcella RockShox ZEB RC e un ammortizzatore in linea Deluxe Select R.

Whyte E-160 RSX 29 pollici € 7.999

Forchetta: Fox Float 38 Performance Elite, 160 mm
Shock: Fox Float X Performance Elite, messa a punto personalizzata
Trasmissione: SRAM GX Eagle AXS, 10-52

Freni: Codice SRAM RSC 220 / 220mm
ruote: Hope Fortus 30 o DT Swiss HX1700
Pneumatici: Maxxis Assegai EXO+ Maxxgrip (f) / DHR2 DD, MaxxTerra (r)

Whyte E-160 S 29 pollici € 6.399

Forchetta: Rock Shox Zeb RC, 160 mm
Shock: RockShox Deluxe Seleziona R,
Trasmissione: SRAM GX Eagle, 11-50

Freni: Guida SRAM RE, 220 / 220mm
ruote: WTB HTZ i30
Pneumatici: Maxxis Assegai EXO+ Maxxgrip (f) / DHR2 DD, MaxxTerra (r)

Impressioni di viaggio

Ho avuto la possibilità di guidare l’E-160 29er solo una volta, ma ho potuto guidare un’ampia selezione di famosi circuiti di prova nella Tweed Valley. Ho portato la mia bilancia all’evento di lancio, ma non ho potuto pesare la mia bici di prova XL perché la bilancia non supera i 26 kg (57,3 libbre). Tutto quello che devi sapere è che questa non è una e-bike leggera.

Il motore Bosch CX è potente e intuitivo; risponde proporzionalmente e con poco lag, rendendo facili da affrontare salite tecniche con tornanti stretti. È anche ragionevolmente silenzioso, con meno rumore di battito della frizione riscontrato su altri motori.

Ho testato la bici solo con l’impostazione alta e, sebbene il movimento centrale non fosse eccezionalmente basso sulla carta, ho ricevuto molti colpi di pedale dall’E-160. L’angolo del sedile è più lento rispetto alla maggior parte e appesantisce maggiormente la sospensione posteriore durante la salita, facendo sì che la sospensione si abbassi durante la sua corsa. Con la configurazione dell’ammortizzatore di serie, è abbastanza progressivo; funzionando al 30% di abbassamento, non ha mai avuto un viaggio completo, ma all’inizio è abbastanza profondo nel suo viaggio. Se avessi più tempo vorrei provare un distanziatore di volume più piccolo con meno abbassamento.

In discesa, non c’è modo di nascondere il peso attraverso mosse tecniche cruciali e curve strette; ci vuole più sforzo e più tempo per negoziare quei punti di presa e, nonostante un rotore anteriore da 220 mm, rallentarlo in fretta può essere complicato. Il movimento centrale basso ha provocato anche alcuni graffi sul pedale in solchi profondi durante la discesa.

Rispetto a molte bici con foderi più lunghi, non è il più difficile da usare manualmente e bunnyhop. Quando sono rimasto bloccato su sentieri più ampi con curve e salti veloci, la bici ha fatto il suo meglio. È facile portare velocità e sfrecciare attraverso le banchine, mentre ingoia bene le radici e mantiene le gomme a terra.


.

Add Comment