Voci sul remake di Silent Hill 2: il CEO di Bloober Team si rifiuta di commentare, afferma che il nuovo progetto “Sarà sempre un titolo di Bloober Team”

A seguito di voci secondo cui lo sviluppatore di giochi horror Bloober Team starà rifacendo il leggendario Silent Hill 2, il CEO Piotr Babieno ha dichiarato di non poter commentare, ma spera di fare un annuncio sui piani futuri dell’azienda “il prima possibile”. Ha aggiunto che il suo progetto non annunciato “sarà sempre un titolo del Bloober Team”, anche se realizzato in collaborazione con un’altra azienda. Babieno ha anche spiegato che i futuri giochi Bloober saranno più grandi e più incentrati sul gameplay rispetto al passato e non saranno esperienze di tipo “simulazione ambulante”.

Parlando con IGN alla conferenza polacca sui giochi Digital Dragons, Babieno ha affrontato le voci (riportate per la prima volta dall’influencer Nate l’odio poi giornalista Jeff Grubb) su un remake di Silent Hill 2 che dice:

“Non possiamo commentare nulla di ciò che facciamo perché apprezziamo il nostro rapporto con i nostri partner, ovviamente. Quindi non possiamo [say] qualsiasi cosa. Faremo un annuncio sui nostri piani futuri il prima possibile. Allora saprai molto di più.” Ridendo, aggiunse: “Ufficialmente”.

Il Bloober Team ha stretto una partnership con Konami, proprietaria della serie Silent Hill, l’anno scorso. Da allora, diversi rapporti hanno collegato lo sviluppatore (che ha sviluppato i giochi horror Layers of Fear, Observer, Blair Witch e The Medium) con un progetto Silent Hill. Fu persino costretto a negare che alcuni dei suoi concetti di gioco inutilizzati fossero titoli destinati a Silent Hill. Bloober ha precedentemente confermato che sta lavorando a due titoli contemporaneamente, uno con Konami, mentre un altro, che sarà rilasciato da Private Division, è una nuova IP. Babieno mi dice che un terzo titolo è in pre-produzione.

Più avanti nell’intervista, ho chiesto a Babieno dell’esperienza della società lavorando con un licenziatario nel caso Blair Witch, e il CEO ha brevemente fatto riferimento a uno dei progetti imminenti di Bloober, chiarendo che l’approccio della sua azienda è quello di creare giochi alle proprie condizioni, anche se è in franchising di qualcun altro.

“Direi che è difficile lavorare con qualcuno che [owns an IP you’re working on]ma parliamo ancora con questi licenziatari, [saying] “Ragazzi, vorremmo usare la vostra licenza, ma vorremmo raccontare la nostra storia.” Se non siamo in grado di raccontare la nostra storia, se non abbiamo libertà creativa, non ha senso, perché Bloober Team non farà un grande gioco”, ha detto Babieno. “Se sei in prigione , non puoi volare. Ecco perché ci proviamo solo [make] questi titoli in cui sentiamo, ‘OK, questo sarà un gioco di Bloober Team, non qualcuno [else’s].’ Quindi anche sul progetto non possiamo parlare [about]sarà sempre un titolo del Bloober Team.

Babieno non ha specificato che si trattasse di un riferimento al titolo Konami, ma sembra probabile visto che il gioco di Bloober’s Private Division è una nuova IP. Se è così, e Bloober sta lavorando a Silent Hill, le parole di Babieno potrebbero essere interpretate nel senso che la società sta applicando le proprie idee a Silent Hill 2, o in alternativa che il suo gioco di Silent Hill è in realtà una nuova storia della serie. L’amministratore delegato non ha fornito ulteriori commenti su queste righe.

Parlando più in generale del futuro di Bloober Team, Babieno ha affermato che la società mira a cambiare i tipi di giochi che realizza, rimanendo fedele alle aree oscure e psicologicamente focalizzate in cui è specializzata.

“Ci sono molte persone nel nostro team che vorrebbero creare giochi più grandi, con più gameplay, con meccaniche di gioco [we haven’t used before] perché la maggior parte dei nostri titoli passati sembrava esperienza, giusto? Riguardava più l’atmosfera, la storia, non necessariamente il gameplay. […] Vorremmo creare giochi che raccontano le nostre storie basati su meccaniche di gioco. Quindi puoi aspettarti che ognuno dei nostri titoli futuri abbia molte meccaniche di gioco. Quei titoli saranno più grandi.

Ha aggiunto che i giochi di Bloober continueranno ad allontanarsi dall’approccio del “simulatore ambulante” dei suoi primi successi, come Layers of Fear.

“Non è un grande salto, è più un’evoluzione, ma in questo momento siamo ben preparati a realizzare giochi simili a Hellblade, solo per citarne alcuni. [one example]. Ma direi che avremo sempre il nostro DNA: questi giochi faranno sempre parte dell’eredità del Bloober Team e saranno più grandi. Racconteremo storie [through gameplay], non si tratterà di calpestare simili tipi di esperienze in futuro, ma comunque, l’argomento, quei sentimenti che vorremmo [we would like our fans to feel]rimarranno”, ha detto Babieno.

A parte le voci su un remake di Silent Hill 2, le riprese di quello che sarebbe stato un nuovissimo Silent Hill sono state rivelate la scorsa settimana e rapidamente rimosse dopo una richiesta di copyright. La rimozione sembra dare credito alla loro autenticità, anche se Konami non ha commentato.

Silent Hill 2 rimane uno dei giochi più amati mai pubblicati. Abbiamo definito l’horror psicologico per PS2 uno dei migliori giochi di tutti i tempi, definendolo “un’esplorazione delle profondità della depravazione umana e degli effetti che ha sulle persone e sui luoghi intorno a noi che pochi videogiochi hanno gestito con tale grazia e maturità inquietanti”. .”

Joe Skrebels è il redattore di notizie di IGN. Seguilo Twitter. Qualche consiglio da darci? Vuoi discutere di una possibile storia? Si prega di inviare una e-mail a [email protected].

Add Comment